Il dietrofront del cavaliere

Le primarie del PDL non si faranno; lo ha deciso il leader del partito Silvio Berlusconi con buona pace del segretario Angelino Alfano, che ha dovuto piegarsi al volere del padre-padrone Silvio. Nessuna trattativa, dunque, ma un no deciso verso un azione, quelle delle primarie, simbolo dell’ascesa di Angelino alla guida del partito e collante  tra le fazioni. Un dietrofront, quello di Berlusconi, che non sembra avere alcuna intenzione di lasciare lo spettro al giovane (ex) allievo.

Rispondi