Giovinè, organizzè..fortunè!

La Francia è campione del mondo per la seconda volta nella sua storia! Dopo il successo del 1988 con Brasile, a distanza di vent’anni, i galletti tornano ad alzare il trofeo più ambito in Russia contro la Croazia. Finisce 4-2 per i francesi, ma il risultato, sulla carta schiacciante, non rispecchia il reale andamento di una partita incerta dove i croati hanno tenuto le redini del gioco fino al crollo del secondo tempo. I Blues non sono stati esaltanti, ma contando su delle individualità incredibili come Griezman, Pogba e, più di tutti, il giovanissimo talento Mbappè, sono riusciti a capitalizzare al meglio tutte le occasioni che hanno avuto. La Croazia paga pesantemente l’inesperienza (era la loro prima finale in assoluto) e la poca concretezza nel finalizzare un gioco pulito ed organizzato. L’allenatore dei Blues, Didier Deshamps diventa il terzo della storia ad alzare la coppa sia da giocatore che da allenatore. Criticato fortemente dalla stampa francese per alcune sue scelte ed etichettato come “fortunato”, l’allenatore transalpino ha fatto tacere tutte le critiche portando di nuovo a Parigi la coppa; in fondo nel calcio, come nella vita, ci vuole anche un po’ di..fortuna!