Corazon Atlético

Si è conclusa ieri sera nella splendida cornice di Milano l’ultima edizione della Uefa Champions League che ha visto sfidarsi in un derby tutto spagnolo le due squadre della capitale: Real Madrid e Atletico Madrid. Una sfida che si ripropone a distanza di due anni ed intervallata dalla vittoria del Barcellona sulla Juventus dello scorso anno. Nel 2014 era finita con la vittoria dei “blancos” di Ancelotti ai tempi supplementari, dopo aver agguantato il pareggio sui cugini madrileni a pochi minuti dalla fine. Quest’anno il “Cholo” Diego Simeone, carismatico mister dei “colchoneros” biancorossi, già artefice della cavalcata di due anni fa, si ritrova nuovamente in finale contro il Real ma stavolta in panchina c’è l’ex stella francese Zinedine Zidane. Stavolta è subito il Real Madrid che passa in vantaggio con Ramos, raggiunto nel secondo tempo dal gol di Carrasco per l’Atletico. Alla fine si va ai rigori e il Real gioisce per la sua “undecima” volta. I Blancos dei campioni (e dei milioni) non è sembrato galacticos come al solito mentre l’Atletico ha messo il suo solito grande cuore, ma non è bastato nemmeno questa volta. E dopo l’ennesima delusione ricomporre i pezzi sarà ancora più difficile…